Epicondilite acuta – sub acuta – cronica | Come puoi  Guarire da ogni tipo di Epicondilite?

Epicondilite acuta – sub acuta – cronica | Come puoi Guarire da ogni tipo di Epicondilite?

Lo Stadio dell’Epicondilite

Il gomito del tennista, una volta diagnosticata dal medico, può essere presente nella persona in diversi stadi.

Individuare lo stadio in cui ti trovi ora è molto importante perché è da qui che inizierai a curarla. Infatti Devi sapere che ogni stadio ha una cura differente!

Questa è la cosa più importante per partire per una corretta cura.

Nella mia esperienza personale ho seguito molte donne con questa problematica (la maggior parte delle persone affette da questa lesione sono donne) e molte di loro svolgevano come lavoro le pulizie domestiche. Di conseguenza i continui movimenti ripetitivi che svolgevano con lo strofinaccio causava loro molto dolore.

Per cominciare la terapia curante ho dovuto fin da subito riconoscere lo stadio in cui erano le pazienti.

Epicondilite acuta – sub acuta – cronica

Devi sapere che l’epicondilite può essere suddivisa in tre stadi:

  • Epicondilite acuta
  • Epicondilite sub-acuta
  • Epicondilite Cronica

Ora potrò apparire un po’ noiosa perché devo scendere nello specifico, ma sarà il tuo trampolino di lancio!

L’Epicondilite acuta

Si presenta come un dolore che compare generalmente al termine di un lavoro pesante e prolungato nel tempo (ad esempio un lavoro di giardinaggio o delle pulizie di fondo).

Il dolore è spesso non eccessivo e può scomparire dopo l’assunzione di qualche antinfiammatorio e riposo.

Ma fai attenzione a non sottovalutare questo primo segnale d’allarme apparentemente innocuo, in quanto potrebbe essere l’inizio di un processo di infiammazione molto più complicato.

L’Epicondilite sub-acuta

E’ appunto l’infiammazione conseguente da una condizione acuta che è stata trascurata.

A questo punto ti sarai reso conto che la situazione è più complicata del previsto e molto probabilmente avrai iniziato un percorso di guarigione proprio da questo step.

L’Epicondilite Cronica

E’ lo stadio finale, con una degenerazione del tessuto inserzionale dei tendini estensori.

Parliamo di una condizione molto complessa, che necessita di un percorso molto articolato e non sempre i risultati sono positivi.

I tempi di guarigione

I tempi di guarigione dipendono molto dallo stadio in cui ti trovi, ma non solo.

Dipendono infatti da un altro fattore molto importante: cioè dalla presenza di eventuali patologie accessorie a livello cervicale e al polso ad esempio.

Starai pensando che ti trovi in un bel calvario!

Ma non preoccuparti, ho la soluzione per questo.

Quindi anche se non sai ancora come, ma avrai sicuramente capito che guarire dall’epicondilite coinvolge molte volte un aspetto globale del corpo e non settoriale come spesso crediamo (solo il braccio).

Con L’Epicondilite Parti da qui

Detto ciò, prova a pensare quali sono stati i movimenti repentini che hanno provocato il tuo dolore. Una volta identificati, riconosci il tuo punto di partenza, ovvero la tua fase di epiconidilite in cui ti trovi ORA con i 3 stadi sopra citati e da li comincia a seguire gli esercizi che ti propongo attraverso i video (Presenti nel mio corso che lancerò a breve sulla pagina facebook).

Il miglioramento sarà a “Gradoni”, e ti permetteranno di riacquistare totalmente l’uso dei movimenti senza sentire alcun male.

Resta aggiornato con la nostra pagina facebook, e troverai molti consigli adatto in merito all’epicondilite 😉

E ti consiglio di guardare anche il corso completo che ho sviluppato, è il 1° corso scientifico per sconfiggere l’epicondilite alla radice in maniera naturale. Lo trovi cliccando QUI

A presto,

Dott.ssa Gessica Scocco

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo!

Lascia un commento